info@convivendocon.it
LABORATORIO ESPRESSIVO

Premessa


Il Teatro è un bisogno dell'Uomo che permette una via di comunicazione all'Altro attraverso l'espressione artistica del sé Lo spazio di questa espressione è lo spazio scenico, inteso, come luogo fisico e mentale della messa in gioco di se stessi in un contesto di gruppo. La messa in gioco presuppone proprio un giocare con se stessi per approdare così alla presa di coscienza delle proprie capacità e dei proprio limiti, per poterli esporre e superare attraverso l'Arte. Il Teatro permette una fusione tra tutte le diversità: è un percorso comune che nasce da diversi percorsi individuali e che si fa-Arte. Partendo dal presuppopsto che il teatro è GIOCO e quindi MASCHERA si propone di far affrontare ai soggetti la propria messa in gioco indossando le svariate maschere del sé. Questo laboratorio è una possibilità di scrittura artistica, dove l'atto creativo si evolve in seno alla situazione scenica e a quello che l'ambiente circostante offre come aggancio. La diversa distribuzione delle capacità fisiche dei soggetti e la diversa esperienza alla malattia possono, attraverso gli stimoli dati dall'operatore, creare una realtà di condivisione e di scambio che può risultare un elemento in più per accettare e migliorare la propria condizione psico-fisica.

Finalità

La drammatizzazione ha una quadrupla finalità : affettiva ed emotiva (con la costruzione dellautostima. il controllo dell'ansia, l'attivazione dei processi di proiezione ed identificazione), sociale (con lo sviluppo delle capacità di relazione e comunicazione), cognitiva (con l'esplorazione della realtà e l'incremento delle capacità di problem-solving e di ricerca di soluzioni creative) e terapeutica (con la capacità ludica di oggettivizzare e trasformare un disagio fisico e/o mentale ove presente).